Passa ai contenuti principali

Lavori in corso e un po' di storia

Qualche piccolo progresso con il biscornu, la penultima tappa del Tea and Cakes mini SAL e, visto che oggi non ho succose novità e molte di voi saranno sotto l'ombrellone, vedremo un metodo per organizzare i filati e poi parleremo di storia.


Da qualche tempo tengo un quaderno con i progetti che vorrei fare. Ho notato che lavoro meglio se seguo la "stagione": Natale nei mesi invernali, Pasqua a marzo-aprile, e così via. Mi sento nell'atmosfera 😎. Così raccolgo le idee e le suddivido nei mesi dell'anno cui appartengono. Questo biscornu di Faby Reilly lo avevo riservato a maggio ma, come sempre, sono in ritardo e quindi è stato posticipato a giugno: avevo già preparato i materiali, perciò l'ho iniziato, non volevo metterlo via per un altro anno. In realtà sulla rivista da cui l'ho tratto è un portafedi per un matrimonio, sullo sfondo, c'è scritto LOVE (si scorge appena sulla foto), ma mi piaceva così tanto che ho deciso per un biscornu.
Non nascondo che si tratta di un lavoro impegnativo: sfumati che richiedono la chiusura crocetta per crocetta e punto scritto con molte curve, un po' difficoltoso sull'aida. Però è bellissimo. Ci metterò un sacco a finirlo, quindi lo vedrete spesso.
Schema di Faby Reilly tratto dalla rivista Cross Stitch Gold, n. 75 del 2010
Tela aida 72 (18 count) Zweigart color bianco opalescente
Fili DMC Mouliné: 151, 902, 934, 3345, 3347, 3348, 3731, 3733
Filato DMC Color variation 4150
Altro ricamino piccolo piccolo, la quinta tappa del SAL di Durene Jones, una bellissima teiera!


Ormai manca solo l'ultima, che uscirà venerdì, poi resta la cosa più difficile: decidere come assemblarlo 👀.
Schema Tea and cakes mini SAL del gruppo Lakeside Needlecraft SAL Stitch Along Group
Tela Zweigart Belfast 32 ct color Natural opalescent
Filati DMC Mouliné consigliati

Un'idea originale ed economica per organizzare i filati

Mary Corbet è una fonte di conoscenza. Nel suo ultimo post indica un metodo davvero originale per organizzare le matassine di filati: appenderle sulle spirali di plastica che di solito si utilizzano per le rilegature di libri e documenti. Su ogni "dente" della spirale viene indicato il numero, poi si infila un bastoncino che la percorre orizzontalmente e la si incastra in una scatola con le scanalature. Io tengo la mia scatola con le bustine perchè la trovo più comoda, ma c'è da dire che anche così sono proprio in ordine!

Una curiosità dalla storia

Spesso sulle riviste o online vengono pubblicati articoli su come i lavori manuali femminili servano per rilassarsi o siano perfino terapeutici. Oggi vi indico un articolo davvero interessante su come, durante la Prima guerra mondiale, le donne che cucivano, ricamavano o lavoravano a maglia venivano impiegate per osservare chi passava, per inserire messaggi cifrati nei loro lavori, per produrre maglioni con indicazioni sull'andamento della guerra. Qui la versione breve in italiano, qui quella più completa in inglese. Buona lettura!

Commenti

  1. Interessante l articolo che ci hai proposto ,pensare che spesso quando dico che faccio il punto croce tante persone (donne) sorgono il naso come per dire che cosa noiosa antica ...mi vengono i nervi ; invece i passato un attività cosi innocua e rilassante era molto utile.
    La tappa del sal con la teiera mi piace molto .
    Buone crocette

    RispondiElimina
  2. A lovely little teapot that you added to the SAL. Very curious to see the last installment. That biscornu will be gorgeous.

    RispondiElimina
  3. Biscornu? Bellissimi ma l'assemblaggio non fa per me... troppo carina la teiera.
    Interessante la storia di come venivano usati le arti manuali, buona giornata

    RispondiElimina
  4. Thank you for the link of floss storage, Irene! Very interesting way to store it...

    Love your latest stitching, too :)

    RispondiElimina
  5. Interessante articolo, la manualità e l'artigianalità sono cose antiche che richiedono molta intelligenza...quindi non tutti la comprendono, e pochi la coltivano veramente! Quindi tanto di cappello a chi le porta avanti! Brava, molto carina anche la teiera!! Ciao!!

    RispondiElimina
  6. Lovely start on the Faby Reilly design....such pretty colours. I've just finished that teapot too!

    RispondiElimina
  7. CURIOSA DI VEDERE IL BISCORNU FINITO....BELLA LA TEIERA...MI è PIACIUTA TANTO CHE HO RIPRESO IL RICAMO PER REALIZZARNE DUE PROGETTINI SEPARATI

    RispondiElimina
  8. Great addition to the SAL. A cup of tea would certainly go well with the yummy cakes! :) Great start on the biscornu!

    RispondiElimina
  9. Posso solo dire wow, mi piace la tua idea di "organizzazione", buon lavoro

    RispondiElimina
  10. Che bella questa teiera😍 Buon lavoro per il resto dei tuoi progetti😀💓

    RispondiElimina
  11. Che bei lavori Irene e il banner cresce che è una meraviglia. Grazie per le segnalazioni! In effetti anche il mio ago è piuttosto a riposo forzato, vuoi il caldo, vuoi i troppi impegni sopraggiunti. Ma non dispero.

    pirates of the caribbean 5

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Silent Night

Care ragazze, sarò monotona ma, come mi avevo anticipato, tutto novembre sarà dedicato al Natale e anche questo post, con il magnifico schema di Barbara Ana 🎅. Vi farò vedere inoltre un esperimento in broderie suisse e la recensione del libro DMC Point de croix/Cross Stitch 01.

Ancora ornamenti, sono così divertenti e veloci che non mi stanco mai. Allora, un paio di anni fa su Facebook era nato un gruppo di ricamine appassionate di Natale, il Candy Cane Stitchers. Alcune disegnatrici, visto il successo del gruppo, hanno messo a disposizione i loro free, tra cui, appunto, Barbara Ana con Silent Night. Lo schema era proposto in due versioni di colori e le ho ricamate entrambe su aida 80, una light mocha e una nocciola.

Mi piacciono tutte e due 😍. Stoffina in tema e via di cucito tradizionale, con nastrino e campanellino.
Schema free Silent Night di Barbara Ana Designs pubblicato nel gruppo facebook delle Candy Cane Stitchers Tela Aida 80 (20ct) Zweigart color light mocha e nocciola F…

Cat and pudding

Cosa ci fa un gatto con un dolcetto? Aspetta di essere appeso sull'albero 🎄 :) C'è la mano di Durene Jones, naturalmente. Parleremo poi di qualche nuovo (e vecchio) acquisto che ho fatto, le recensioni sono sempre utili 👍

Sono particolarmente felice di ricamare questi free di Durene Jones (li trovate sulla sua pagina facebook e condivisi sulla mia), io la adoro: non solo perchè mi piace tantissimo come disegna (tanto che compro i suoi libri quando escono e le riviste con cui collabora) e non solo perchè i suoi schemi sono sempre semplici, fattibili e divertenti, ma anche perchè è così generosa (posta un free ogni venerdì [e che free!!]) che mi piace farle un po' di pubblicità, se la merita tutta! É una delle poche disegnatrici che non si ripete mai è presta attenzione a tutti: quando ricamiamo qualcosa di suo e lei lo vede sui blog o su facebook, ringrazia. Ma siamo noi a dover ringraziare lei, tra l'altro i suoi schemi in vendita hanno un prezzo davvero accessibile…

Una volpe con il maglione... finita!

Più veloce della luce del previsto ho finito la mia bella volpe di Ekaterina Gafenko. Vedremo poi più da vicino le nuove matassine moulinè DMC e un altro bellissimo blog da visitare.

Allora, innanzi tutto scusate le foto buie ma qui c'è la nebbia e non se ne parla di luce solare splendente. Vi dico un po' di cose su schema e materiali ora che l'ho finito, partiamo dallo schema: lo vedete già quanto è bello ed originale e, anche se le istruzioni sono in russo, è ben comprensibile, basta guardare i simboli e il numero dei filati DMC. Non ci sono mezzi punti, tuttavia è possibile che i colori vengano miscelati, usando un capo di un colore con un capo di un altro. Questa è una costante degli schemi di Ekaterina, il che va benissimo se ricamiamo con due fili, ma se abbiamo scelto una tela da lavorare con un filo sorge qualche problema (mi era successo, ad esempio, con la mia Magic Doll). In questo caso, che fare? La soluzione che avevo adottato io è stata trovare un altro fila…